Il viaggio è iniziato...

Anticipo qualche scatto "On the road" ... questi luoghi sembrano perdersi nella notte dei tempi! Porto città davvero unica...

 

Lasciare Manhattan e New York non è stato così facile.....Mi sono promessa di tornare per fermarmi più a lungo e sentirmi un po' “newyorchese”!!!!!


La seconda parte del viaggio parte dai musei, me ne vengono in mente solo alcuni: dal famoso Metropolitan Museum of Art, al Guggenheim Museum, il Museo del  Barrio e il MoMa. Si è deciso di visitare quest'ultimo. In una giornata uggiosa non si poteva fare di meglio. Il MoMa raccoglie una delle collezioni d'arte moderna e contemporanea più ricca al mondo, ma anche un vasto panorama nell'ambito della pittura, del video, del design e della fotografia. Entrando si rimane stupefatti dall'altezza interna dell'edificio tanto da conservare un vero elicottero

 

... la "Grande Mela" è così: ti affascina, ti strega, ti rapisce ...

La prima cosa da sapere quando si va a New York è che non capirete nulla di quello che vi stanno dicendo perché nei bar (sopratutto quelli dei giovani), nei ristoranti, nei negozi , nelle strade si parla lo slang o meglio “gli slang”.
Non sto scherzando ma è proprio così: provate ad entrare in un qualsiasi  " Starbucks Coffee" e ve ne renderete conto, vi faranno mille domande e non capirete nulla, poi ad un certo punto vi direte: " ma io volevo solo un caffè!!!"