User Rating: 5 / 5

Star ActiveStar ActiveStar ActiveStar ActiveStar Active

Ad un certo punto mi dice: "Ti rendi conto che con un gettone telefonico siamo andati sulla luna!

Il  mio primo colloquio con Guglielmo Spotorno è stato per telefono. Dopo poco ci siamo ritrovati a parlare di come ora tutto si muova velocemente, di quanto una notizia appena pubblicata sia già vecchia, di quanto tempo si passi al cellulare senza dirsi niente.
Ad un certo punto mi dice: "Ti rendi conto che con un gettone telefonico siamo  andati sulla luna! Quando il telefono non lo avevi a casa ma andavi al bar. Prendevi un caffè e poi chiedevi il gettone: il telefono stava sempre là in fondo, vicino alla toilette".
Era proprio così. Ero piccola ma ricordo bene quando andavamo in bottega da Olga e mia madre dopo la spesa o dopo il caffè chiedeva di telefonare. In pochi minuti raccontavi  tutto quello che avevi da dire. Oppure ricordo quando arrivavano le telefonate a casa della vicina, veniva a chiamare mia madre: "Anna vieni, fai presto, c'è Cesarina al telefono".

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Oggi guardo con occhi diversi ciò che mi circonda ...Verranno altre primavere e verranno altre stagioni...

E’ una nuova giornata, al mio risveglio dalla finestra entrano i raggi del sole. Oggi è proprio primavera, il primo giorno di primavera!  Ho aperto la porta della cucina che da sul terrazzo, ho lasciato che il caldo mi entrasse dentro, ho guardato la campagna antistante, ho guardato gli ulivi che circondano la casa, ho guardato il mare in lontananza.
Il mare è là, uguale come tutti i giorni, come se niente fosse successo, sembra calmo, di un colore azzurro intenso quasi a perdersi all'orizzonte con il cielo e diventare un tutt’uno.
Oggi guardo fuori con occhi diversi.

User Rating: 5 / 5

Star ActiveStar ActiveStar ActiveStar ActiveStar Active

L'amore al tempo del coronavirus ... chi ama può aspettare forse anche tutta una vita...

Quando Gabriel Garcìa Màrquez scrisse 'L'amore al tempo del colera " non poteva certo immaginare quanto sarebbe stato attuale il suo racconto.
" L'amore al tempo del coronavirus ". Sembra quasi che questo virus voglia colpire gli affetti, come se volesse allontanare le persone, con i loro abbracci, i  loro baci.
Penso così a tutte le coppie di fidanzati che non vivono insieme e che non si potranno incontrare per diverso tempo, è un’atmosfera surreale quella che si respira. Perchè diciamolo chiaramente nessuno avrebbe mai pensato che potesse accadere una cosa simile!